Un pò di pensieri a caso

Alcuni pensieri relativi al mio ultimo viaggio in Scozia, un pò di cose che “ho scoperto” strada facendo

Guidare a sinistra è più semplice di quanto sembri

Ok lo ammetto, prima di partire avevo un’ansia tremenda per la guida “storta”. Appena usciti dal parcheggio dell’autonoleggio abbiamo avuto una buona ventina di minuti di panico, la prima rotatoria è stata abbastanza problematica, abbiamo sbagliato strada nei primi 500 metri, io urlavo a mio papà di stare attento alle precedenze e lui mi urlava di stare zitta. Traumatico. Poi, tutto è passato. Poco dopo ci siamo sentiti già più a nostro agio ed il giorno dopo addirittura guidare dal lato opposto della carreggiata ci veniva automatico. Alla fine del viaggio, è stato quasi altrettanto difficile ritornare alla nosta solita guida, alle prime rotatorie abbiamo dovuto pensare da che parte andare! Tutto sommato quindi è più difficile a dirsi che a farsi e ci si abitua in fretta.

Non ordinate la cioccolata calda

Ok, nemmeno in Scozia, come in altri Paesi d’Europa, sanno fare la cioccolata calda. Tu entri in un bar in una giornata grigia e ventosa e immagini già il momento in cui ti gusterai una deliziosa cioccolata fumante, tenendo la tazzina tra le mani per riscaldarle. E ti portano un latte col cacao. Are you f*****g kidding me? Non aspettatevi una cosa tipo ciobar, densa e cremosa. Accontentatevi del latte con uno pseudo nesquik tra l’altro poco solubile.

Tutti salutano sui passing place

Single Track Road. Sono le strade più belle e caratteristiche della Scozia, che si trovano soprattutto nel Nord e nelle Isole. Strette strette, una sola corsia, con uno spazio (opportunamente segnalato) a bordo carreggiata dove potersi spostare nel caso in cui incontriate un veicolo proveniente dal senso opposto, chiamato appunto passing place. Nessuna segnaletica orizzontale, niente paracarri o guard rail. Tutto molto wild e perfettamente in sintonia con l’ambiente selvaggio circostante. Ora, avevo letto che è buona educazione ringraziare e/o salutare chiunque incrociate lungo questo genere di strada. E anzi, per gli scozzesi è considerato scortese ed addirittura offensivo non farlo. Posso decisamente confermarlo. Tutti salutano sui passing place. Sia che tu sia fermo nella tua piazzola, sia che l’automobilista proveniente nel senso opposto si sia scansato per lasciarti passare, tutti salutano e ringraziano con un cenno della mano o del capo. E non solo chi guida. Anche il passeggero! Così ci siamo adeguati anche noi all’usanza e ci siamo divertiti tantissimo, esibendoci in solenni cenni della mano, scambiando un sorriso con chi ci rispondeva, e (lo ammetto) criticando chi non lo faceva. Ricordatevelo se vi trovete a percorrere qualche single track road, siate gentili e salutate!

isle of skye

Non è vero che si mangia male

Chi lo dice che in Scozia si mangia male? Che nel Regno Unito in generale non sono capaci di fare da mangiare? Bè, io posso affermare con convinzione che non è assolutamente vero. Dipende solo dove si mangia. Io personalmente ho mangiato davvero bene, prediligendo ovviamente ristoranti piuttosto che fast food o “cibo da bar”. Il pesce è ottimo: salmone cucinato in ogni modo, cozze, frutti di mare pescati il giorno stesso se vi trovate lungo la costa o sulle isole. Il fish and chips è un cibo da strada che fa l’eccezione, si trova anche nei ristoranti, costa meno rispetto alle altre pietanze ma è ugualmente buono. Anzi, delizioso, con la sua pastella che, se fritta bene, è leggera e per nulla unta. Quello più buono durante tutto il viaggio l’ho mangiato al “The bay Fish&Chips” di Stonehaven, vincitore di un UK Awards proprio per la qualità del cibo preparato e venduto. Aggiungerei poi una lunga serie di tipi di carne, specialmente cervo ed agnello (a me personalmente non piacciono, ma il mio papà che li ha mangiati li ha trovati molto buoni!) con salutare contorno di verdurine, la maggior parte dei casi broccoli. Ricordo poi con piacere un delizioso tagliere di formaggi con una ancora più deliziosa marmellata di cipolle rosse (f-a-n-t-a-s-t-i-c-a!), un tomino di latte di capra alla griglia favoloso e poi ovviamente i dessert. Primo fra tutti lo Sticky Toffee Pudding di cui mi sono letterlamente innamorata e che mangerei tutti i giorni (a proposito, trovate la ricetta proprio qui). Il top è stato un meraviglioso pranzo in un ristorante sul Lake of Menteith, con una parmiggiana di melenzane ripiene di falafel, tipiche polpette di cereali egiziane. Una goduria! Per gli amanti della birra, ce ne sono di moltissimi tipi; non mi piace la birra eppure ho trovato molto gustose le ale brown beer, pastose, corpose, dissetanti. Non posso parlare del whisky perchè…proprio non mi piace!!!!!!  Ho assaggiato perfino l’haggis, specialità scozzese a base di interiora di pecora bollite nello stomaco ovino. Era all’interno di un panino, ma non era per niente male! Quindi in fin dei conti, se siete disposti a spendere un pò di più rispetto al pasto consumato in un bar, non resterete di certo delusi. Posso dirvi che una cena per due persone composta da 1 birra, 1 bottiglia d’acqua, 2 main (piatto unico abbondante), 1 dolce (noi eravamo sempre sazi per mangiarne uno ciascuno) viene a costare in media dalle 40 alle 50£.

Sticky Toffee Pudding
Il mio sticky toffee pudding

Quando qualcuno ti saluta con “ciao come va?” non devi per forza rispondere alla domanda

Non mi ricordo dov’ero, da qualche parte tra Stonehaven e Inverness probabilmente. Entro in un negozio, il ragazzo alla cassa mi dice “hi, how are you?” e io rispondo che “Hi, I’m fine thanks“. Lo guardo e mi accorgo che mi osserva un pò perplesso, poi si gira e, senza rispondere, continua a fare il suo lavoro. Mi è venuto in mente poco dopo che in effetti gli anglofoni per salutare spesso non si limitano ad un buongiorno, buonasera, ciao ma ci aggiungono anche un come va? non tanto perchè sono realmente interessati alle condizioni del loro interlocutore, ma perchè si usa così, è un modo di salutare.

Le colazioni sono uno sballo

Se pernottate nei bed&breakfast (forse anche negli hotel, ma non posso confermare), la mattina rimarrete sbalorditi dalla colazione. Nel nostro caso, ho accuratamente scelto i nostri alloggi e non sono assolutamente rimasta delusa: il primo pasto della giornata è stato sempre abbondante, vario, buonissimo ma soprattutto filling come dicono gli inglesi, che ti riempie per benino fino quasi alla merenda pomeridiana. Celebre la Full Scottish Breakfast, per veri temerari e buongustai: uova, fagioli, tortino di patate, pomodori lessi, funghi, salsiccia, bacon e (rullo di tamburi) sanguinaccio o brusti, come lo chiamiamo qui in Trentino. Una bomba!!! Per chi come me è abituato a colazioni più “light” c’è il porridge, pappa d’avena che io adoro con lo sciroppo d’acero (ne ho comprato 1kg ad Edimburgo e l’ho già finito!!!), uova cotte in vari modi,  pane tostato servito su uno stano “porta pane”, con marmellate e creme varie, yogurt, frutta, cereali. Ogni b&b propone il proprio menù, generalmente dal quale scegliere ed ordinare la sera prima, e potete trovare bontà quali uova strapazzate col salmone, pancakes con le fragole, scottish breakfast vegetariana. Mi viene l’acquolina in bocca al sol ricordo! (ovvio, se ordinate il caffè sappiate che è il classico caffè annacquato che trovate in tutto il mondo).

BLOG-03e-Full-Scottish-Breakfast

8 thoughts on “Un pò di pensieri a caso

  1. Bella lì Bea !
    Non posso che condividere tutto quello che hai scritto !
    E poi per forza guidare a destra è semplice, noi lo facciamo da quando siamo nati !!! 😉 😛
    Perhaps you mean on the left ?!
    Ciao ciao
    Max

    Mi piace

    1. Faccio un pò di confusione lo ammetto… perché con guidare ‘a destra’ io intendo che il volante é a destra 🙂 …..ma in effetti si, si guida sulla parte sinistra della carreggiata! 🙂

      Liked by 1 persona

  2. Ciao!
    Anch’io ho mangiato più che degnamente in Scozia. Ricordo in particolare un paio di ristoranti a Edimburgo e a Glasgow, e soprattutto, come hai notato anche tu, le colazioni nei b&b.
    A proposito di Glasgow, hai in programma qualche articolo su Charles Rennie Mackintosh?

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Claudio! Io mi ricorderò per sempre il pranzo sul lake of Menteith…fantastico!!!!!
      In realtà no, devo informarmi perché non lo conosco!

      Mi piace

      1. A Glasgow ci sono passata velocememte a piedi andando da una stazione all’altra 😉 non l’ho mai visitata approfonditamente! Cercherò informazioni! 🙂

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...