Oban, la porta delle isole

La cittadina di Oban è un ottimo punto di riferimento per visitare la costa occidentale scozzese della regione Argyll&Bute. Questa cittadina di poco più di 8000 abitanti sorge sul mare ed è in un punto strategico per raggiungere alcune delle isole dell’arcipelago delle Ebridi Interne, da cui il suo appellativo di “Gateway to the Isles”, porta delle isole: dal trafficato porto di Oban i traghetti della Caledonian MacBrayne navigano verso Mull, Lismore, Islay, Coll, Colonsay ma anche fino a Barra, la minore delle Ebridi Esterne. Oban viene anche definita “Seafood Capital of Scotland” e non è difficile capire il perchè: i numerosi e rinomati ristoranti offrono una vasta scelta di pesce e frutti di mare pescati in giornata, così come è possibile trovare nei pressi del porto chioschi che vendono fish and chips ed ostriche, cozze e crostacei vari. La cittadina brulica di vita, pub, cafè, negozi e per gli abitanti della zona è l’unico posto dove fare acquisti al supermercato o comprare cose che nei piccoli negozietti dei villaggi non si trovano. Durante il mese che ho trascorso in Scozia, si andava ad Oban per fare la spesa settimanale, a mezz’ora di macchina dalla nostra Guesthouse! Ma ecco le cose principali da visitare se vi trovate in città: informazioni su cosa visitare nei dintorni in arrivo!!

Oban
Una vista di Oban dal porto

LA McCRAIG’S TOWER

Una delle prime cose che si notano appena arrivati ad Oban è la torre che sovrasta la cittadina. La somiglianza con il Colosseo è notevole: si tratta della McCraig’s Tower e la storia delal sua realizzazione è davvero curiosa. Era il 1897 ed il bancario John Stuart McCaig notò una crescente disoccupazione tra i lavoratori delle cave durante i mesi invernali. Decise così di dare la possibilità a tutti di lavorare e lo fece lanciando la costruzione della torre, che durò fino al giorno della sua morte avvenuta nel 1902. I grandi piani che John aveva morirono con lui e i lavori alla torre ebbero fine. La salita alla torre è ripida e faticosa, ma la vista sulla Oban Bay e sulle isole circostanti è magnifica!

McCraig's Tower Oban
L’accesso alla McCraig’s Tower

LA DISTILLERIA

Proprio nel cuore della cittadina, nascosta tra gli edifici di mattoni, si trova la Oban Distillery, facilmente riconoscibile dall’alto camino che la caratterizza. Costruita nel 1794 è una delle distillerie più antiche di tutta la Scozia e produce un particolare tipo di whisky invecchiato di 14 anni. Le visite guidate permettono ai visitatori di vedere le fasi del processo produttivo con un piccolo assaggio finale. Info e costi qui.

cosa-vedere-a-oban-distillery
Una foto della distilleria di Oban dell’amico Stefano di Checkin Blog

DUNOLLIE CASTLE

Con una passeggiata di circa mezz’oretta, lasciandovi alle spalle Oban dopo aver superato la chiesa, raggiungerete il Dunollie Castle. Questo castello, che oggi è in rovina e ricoperto d’edera, sorge a Nord della cittadina scozzese e fu costruito e ricostruito in epoche antiche e in diverse occasioni a partire dal 600. Fu la sede del Clan MacDougall nel corso del XII secolo ma venne poi abbandonato nel 1745. Oggi fa parte di un progetto molto interessante e accanto al castello si trovano un museo storico, un percorso artistico, dei giardini ed un sentiero nel Dunollie Woodland, il bosco attraverso cui passa il sentiero che da Oban conduce qui.

dunolliecastle
Un’immagine di Dunollie Castle presa dal sito ufficiale del castello: Quando l’ho visitato era impacchettato per lavori!

WAR AND PEACE MUSEUM

Questo piccolo museo gestito da alcuni anziani e simpatici signori raccoglie oggetti e fotografie con lo scopo di raccontare la storia di Oban e dei suoi abitanti. Gli argomenti spaziano dall’industria marittima alla pesca, dall’arrivo della ferrovia allo sport. C’è una parte che narra la storia della costruzione della McCraig’s Tower ed una che ricorda il ruolo giocato dalla cittadina durante gli anni della guerra mondiale quando ad Oban vivevano s0ldati dell’aereonautica americana, australiana e canadese e gli idrovolanti della RAF partivano dalla baia antistante la città. Il museo è molto interessante anche se così ricco di oggetti e spiegazioni da risultare un pò caotico.

oban-war-and-peace-museum-138795
L’entrata del museo (fonte)

GODERSI IL TRAMONTO

Il tramonto ad Oban è magico: mi è capitato di trovarmi due volte verso sera a gironzolare per il porto ed in entrambe le occasioni lo spettacolo mi ha lasciata senza parole. Le tonalità di rossi, arancioni, gialli e viola sono infinite e la luce cambia repentinamente, dando a tutto una sfumatura davvero particolare. Il porto è il luogo ideale per fotografare il riflesso del sole sull’acqua mentre per una bella panoramica vi consiglio di salire fino alla McCraig’s Tower oppure fermatevi sulla Ardconnel Terrace che trovate sotto la torre, appena saliti i ripidi scalini che partono dal centro. Niente alberi a disturbare la vista e l’obiettivo, solo voi ed il tramonto.

Oban
Uno dei magici tramonti ad Oban

ISOLE, ISOLE, ISOLE!

Le isole sono la destinazione perfetta per una giornata fuori porta! La scelta è vostra: una giornata per esplorare a piedi Kerrera, una visita a Mull e alla vicina Iona, un tour guidato su Staffa e le Treshnish Isles, le più lontane Colonsay e Coll, la verdeggiante e fertile Lismore. Non potete lasciare Oban senza aver fatto un giro su una delle isole che si trovano nei dintorni. Ma di questo vi parlerò in un altro momento!

Oban
Il traghetto della Caledonian MacBrayne si avvicina al porto, proveniente dall’Isola di Mull

 

Dove mangiare ad Oban:

Per bere qualcosa o per una merenda pomeridiana vi consiglio Dolce Vita Cafe in George Street, con deliziosi dolcetti fatti in casa tra cui i mitici scones. Qui l’Afternoon Tea (scone+tea) è economico e soprattutto il locale è aperto più a lungo di tutti gli altri ad Oban (in estate fino alle 18). L’alternativa è The Coffee Corner in Station Road, dove è piacevole sedersi davanti alle finestre osservando i passanti.

Uno dei migliori fish&chips di Oban, a detta dei locali, è l’Oban Fish and Chips Shop, quello con l’insegna azzurra su George Street. Lo ricordo perfettamente, perchè l’ho mangiato ogni martedì per un mese: impanatura leggera, per nulla unto, abbondante.

Per quanto riguarda i ristoranti, il The Waterfront Fishouse Restaurant al porto è una grandissima birreria molto moderna dove, in un ambiente informale, potete gustare un menu di pesce molto ben fornito.

Per gli amanti dello street food invece, l’Oban Seafood Hut propone frutti di mare e crostacei pescati in giornata.

Oban

Oban

 

 

 

 

 

15 thoughts on “Oban, la porta delle isole

  1. Ho amato Oban fin dalla prima visita, nell’estate del 2009, ed ora, ogni volta che mi capita di passarci, mi sembra un po’ di tornare a casa! Un posto accogliente e familiare, dove trascorrere ore piacevoli in attesa di imbarcarsi per una delle tante fantastiche isole!!!

    Liked by 1 persona

    1. Ciao Ilaria! Per me, durante quel mese trascorso in Scozia in un villaggio remotissimo, era come andare in una grande città 🙂 Una botta di vita 🙂 Grazie per essere passata, un bacione!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...