Non Solo Scozia// L’incanto di Bruges

Se penso a Bruges la prima cosa che mi viene in mente è il profumo di cioccolato e zucchero a velo che aleggia per le vie del centro: quel profumo che di solito caratterizza i mercatini di Natale, dolce e un pò speziato, ma che qui sembra esserci tutto l’anno grazie ai numerosissimi negozi di waffles, dolciumi e cioccolatini. Un profumo che riscalda il cuore anche nelle grigie giornate tardo autunnali come quelle in cui ho visitato questa deliziosa cittadina belga, a poco più di un’ora di treno dalla capitale Bruxelles. Erano anni che Bruges era sulla lista delle mie mete di viaggio future e finalmente ho avuto l’occasione di visitarla, seppur in un periodo dell’anno non propio favorevole, troppo tardi per l’autunno e troppo presto per il Natale. Con Bruges è stato amore a prima vista: ho subito capito che mi sarebbe piaciuta ed ho vagato per due giorni e mezzo per la città sentendomi in una fiaba, catapultata in qualche storia medievale, a spasso nel tempo, sull’orlo di un mondo incantato.

Bruges
Un incantevole scorcio di uno dei ponti sui canali di Bruges

Il primo giorno l’abbiamo dedicato a scoprire il centro grazie a questa utilissima mappa che ci hanno fornito nell’ostello in cui abbiamo pernottato. Bruges è piccola e si gira comodamente a piedi ma state sicuri che ci metterete un sacco perchè vorrete fermarvi ad ogni passo a Continue reading “Non Solo Scozia// L’incanto di Bruges”

Non solo Scozia// Toccata e fuga a Bruxelles

Dopo Budapest, un mese e mezzo in Scozia e il magnifico viaggio in Islanda, quest’anno mi ero ripromessa di entrare in modalità riparmio e pensare al futuro. A 27 anni, un lavoro che c’è e non c’è e una casa da costruire da zero ho deciso di mettere da parte i viaggi, almeno per un pò, per concentarmi sui “doveri” della vita. E poi un giorno sono capitata per caso sul sito della Ryanair. Santa Ryanair. E in due secondi tutti i miei buoni propositi sono svaniti nel nulla, volatilizzati, evaporati. Pensate di vedere davanti a voi, sullo schermo del pc, la scritta “VOLI A 2€”. Cosa avreste fatto? Io non ho resistito ed ho comprato all’istante un biglietto spendendo l’irrisoria cifra di QUATTRO EURO andata e ritorno. Partendo da Verona (relativamente vicino a casa e comodo da raggiungere con la mia fidata fiat 600 senza rischiare di rimanere per strada) la scelta per le destinazioni non era proprio ampissima così, d’istinto, ho optato per una capitale europea che non avevo mai visitato: Bruxelles.

bruxelles

Bruxelles. Non avevo grandi aspettative, anzi. La stragrande maggioranza delle persone che ci sono andate me l’hanno sconsigliata parlando di una città brutta, sporca, poco interessante e con poche cose da vedere. Ma dato che finchè non vedo non credo, ho voluto provare! E sono felice di averlo fatto: Bruxelles mi ha stupita e l’ho trovata davvero piacevole, decisamente sopra le aspettative.  Ci abbiamo passato solo due giorni scarsi perchè la destinazione principale del viaggio era Bruges, cittadina che mi ha sempre attratta moltissimo e che finalmente sono riuscita a visitare. In quelle poche ore passate nella capitale belga ho potuto avere solo un piccolo assaggio, vedere alcune cose di sfuggita, sacrificarne altre, ma sono sicura che prima o poi tornerò a visitarla meglio! Ecco le cose che abbiamo visto e quelle che più ci sono piaciute. Continue reading “Non solo Scozia// Toccata e fuga a Bruxelles”

Non solo Scozia// Islanda parte 5: Snaefellsnes Peninsula

Giorno 10: Snaefellsnes Peninsula

La nostra destinazione di oggi è la Snaefellsnes Peninsula, chiamata “Islanda in miniatura” perchè racchiude tutti i diversi tipi di ambienti naturali che si possono trovare sull’isola. La giornata purtroppo non è delle migliori ed il brutto tempo ci accompagnerà fino alla fine del nostro viaggio. La prima fermata, dopo quasi due ore passate quasi interamente su strada sterrata, è il villaggio di Stykkisholmur, situato su di un promontorio sulla costa settentrionale. Passeggiando attorno al faro, posto su di un’altura, si ha un’ottima visuale della Breidafjordur bay e delle numerosissime isolette che la caratterizzano.

Attratti dalla misticità del luogo, ci fermiamo alla Helgafell Holy Mountain, uno dei luoghi che fu abitato da Thor in persona. La leggenda dice che se si scala la montagna senza parlare e senza mai girarsi indietro ed una volta giunti in cima si esprimo tre desideri rivolti ad Est, questi si avvereranno. Tra i sassi e le rocce in cima alla montagna si trovano i resti di un muro di pietre risalente, pare, al 1184 e che faceva parte di un monastero. Procediamo verso ovest, verso il villaggio in cui passeremo la notte. Grundarfjörður ci appare all’improvviso dietro Continue reading “Non solo Scozia// Islanda parte 5: Snaefellsnes Peninsula”

Non solo Scozia// Islanda parte 4: Myvatn, Akureyri e la Vatnsnes Penisula

Giorno 7: la zona geotermica del lago Myvatn

Quando ci svegliamo a Seydisfjordur splende il sole ed il piccolo villaggio sul fiordo è magnifico, con tutti i suoi colori. Facciamo davvero fatica a lasciarlo consapevoli di averci passato davvero troppo poco tempo! Ci fermiamo a dare un’altra occhiata alla cascata Gufufoss, facciamo rifornimento ad Egilstaddir e partiamo in direzione Nord, verso il lago Myvatn. Il paesaggio attorno a noi cambia drasticamente mano a mano che avanziamo: prima montagne verdi con una cascata dietro ogni angolo, poi una landa ghiaiosa e desolata che ricorda molto un paesaggio lunare.

La prima tappa che raggiungiamo, dopo circa 2h30 di strada, è l’imponente cascata Continue reading “Non solo Scozia// Islanda parte 4: Myvatn, Akureyri e la Vatnsnes Penisula”

Non solo Scozia// Islanda parte 3: Jokulsarlon, Hofn ed i fiordi Orientali

Giorno 5: Da Vik ai fiordi orientali, l’Islanda di ghiaccio

In una bellissima giornata di sole, riprendiamo il nostro cammino lungo la costa meridionale in direzione Hofn, piccolo paese  con un porto molto attivo e secondo per grandezza del sud dell’Islanda. Lasciatoci alle spalle l’ambiente collinare e verdeggiante di Vik, ci ritroviamo ben presto in una landa desolata e pianeggiante, con la strada che corre quasi in linea retta e l’imponente mole del ghiacciaio ??? alla nostra sinistra. D’un tratto eccoci in un posto a dir poco fiabesco: muschio verde a perdita d’occhio che, morbidissimo, ricopre un’immensità di rocce laviche che se ne stanno li da chissà quanto tempo. Una passeggiata è d’obbligo: non c’è nessuno in giro, il silenzio pervade ogni cosa, questo muschio è così morbido che ci si potrebbe dormire sopra!

Prima tappa della giornata è il Fjaðrárgljúfur canyon che ci mettiamo un pò a trovare (indicazioni un pò nascoste!) e che ci porta su di una strada sterrata piuttosto accidentata. Questo Canyon, profondo fino a 100mt e lungo 2km prende il nome dal fiume Fjaðrá  che scorre al suo interno. Contro ogni aspettativa si è rivelato Continue reading “Non solo Scozia// Islanda parte 3: Jokulsarlon, Hofn ed i fiordi Orientali”

Non solo Scozia// Islanda parte 2: Landmannalaugar e la costa di Vik

GIORNO 3: LANDMANNALAUGAR

Il nostro viaggio oggi ci porta nell’entroterra, nella magnifica regione montuosa di Landmannalaugar. Per arrivarci abbandoniamo la nostra Yaris e saliamo sul cattivissimo bus 4×4 della Trex  guidato da un ragazzo islandese con una barba importante che sulle strade sterrate se la cava egregiamente: due ore passate in gran parte su piste sterrate, dissestate, sassose, strette. Due ore spettacolari procedendo letteralmente nel bel mezzo del nulla, tra paesaggi lunari e desertici e ampie e verdissime valli montane. Due ore con la sola presenza di qualche pecora solitaria ed un paio di avventurosi viaggiatori in jeep che si scansano al nostro passaggio, lasciando passare il bus guidato da Ragnar (ho ribattezzato così l’autista per la vaga somiglianza al protagonista della serie tv “Vikings“) che senza timore procede a velocità sostenuta guadando anche alcuni torrenti.

Il paesaggio che ci circonda è un’alternanza infinita di colori con qualche macchia di neve bianchissima qua e la. E pensare che siamo in agosto, piena stagione estiva per noi! Guadato l’ultimo corso d’acqua giungiamo in fondo alla pista, alla fine della strada. Qui, nel bel mezzo del nulla, si trova Continue reading “Non solo Scozia// Islanda parte 2: Landmannalaugar e la costa di Vik”

Non solo Scozia// Islanda parte 1: Reykjavik ed il Thingvellir National Park

Dopo due mesi dal nostro viaggio in Islanda, finalmente riesco a scrivere un racconto di quei magnifici 13 giorni passati lassù, nella Terra del Ghiaccio e del Fuoco. Questi i due elementi che caratterizzano l’isola, gli imponenti ghiacciai (il Vatnajökull, il più esteso, è grande come la Corsica!)  e i vulcani che nel corso dei millenni hanno plasmato una terra selvaggia, sfaccettata ed affascinante. Qui, a due passi dalla Groenlandia ma non così lontano dal resto d’Europa, la forza della natura si è scatenata creando paesaggi incredibili, così vasti da dare un profondo senso di immensità ed ampiezza, con catene montuose colorate, cascate ad ogni angolo, lagune di ghiaccio, faglie, scogliere, grotte, spiagge vulcaniche completamente nere, geyser, zolfatare…

Fjallsárlón Ice Lagoon Iceland
La laguna glaciale Fjallsárlón

In questo viaggio ho visitato luoghi e scoperto cose che non avevo mai visto nella mia vita, paesaggi così diversi da quelli ai quali sono abituata o che ho esplorato nei viaggi precedenti. Questo è stato IL viaggio, un on the road minuziosamente programmato che ci ha portati a percorrere la Ring Road, o meglio la Hringvegur, principale strada islandese che attraversa circolarmente l’isola, con alcune deviazioni fuori rotta verso l’entroterra e nei fiordi orientali. Un viaggio che mi ha fatto sentire piccola piccola in confronto alle meraviglie di madre natura e che mi ha stupita in ogni angolo, facendomi venire la voglia di tornarci ancor prima di rientrare in Italia. Ecco dunque il nostro diario di viaggio, partendo dalla capitale, la colorata e tranquilla Reykjavik.

GIORNO 1: REYKJAVIK

Abbiamo iniziato il nostro viaggio con un ritardo di 6 ore sul volo, che ci ha portati a destinazione alle 5 del mattino anzichè a mezzanotte come previsto. L’Islanda ci ha accolti con Continue reading “Non solo Scozia// Islanda parte 1: Reykjavik ed il Thingvellir National Park”