L’abbazia di Melrose negli Scottish Borders, dove riposa il cuore di Robert the Bruce

Quella di Melrose è la meglio conservata delle storiche abbazie degli Scottish Borders ed è anche quella la cui visita risulta essere più completa, grazie alla ricchezza dei particolari, all’ottimo stato della struttura e alla interessantissima audio guida fornita con l’acquisto del biglietto di ingresso. Noi l’abbiamo visitata durante un viaggio di gruppo autunnale, magnifica stagione per esplorare la Scozia dove le poche ore di luce sono compensate dalla quasi assenza di turisti e dagli splendidi colori dorati della vegetazione. Abbazia a parte, anche il villaggio di Melrose non è affatto male, con i suoi bei giardini e il centro storico con le casette di pietra. Una destiazione da non perdere se state viaggiando nel sud della Scozia!

spazio

Nel 1136 Re David I di Scozia, Re molto devoto e credente, invitò un gruppo di monaci ad istituire la prima Abbazia Cistercense di Scozia: la vecchia Mailors Abbey, costruita nel 650 e distrutta nell’839 venne così rimpiazzata, alcuni chilometri più ad ovest, dalla nuova Melrose Abbey (oggi nella località conosciuta come Old Melrose c’è una bellissima tearoom, ve ne parlo alla fine dell’articolo!). Con il tempo l’abbazia di Melrose diventò una delle più ricche e potenti di Scozia, caratteristiche ben lontane dai valori di umiltà e di povertà che caratterizzavano l’ordine dei Cistercensi. Tale ricchezza derivava in parte dalle offerte dei fedeli più benestanti (che con il denaro si assicuravano un “trattamento d’onore” nell’aldilà) ma in particolar modo dal commercio della lana: nel XIV secolo i monaci di Melrose possedevano ben 15.000 pecore!

MelroseAbbey-Scotland-BeatriceRoat

Come successe nelle altre abbazie, anche Melrose dovette nel corso dei secoli affrontare e subire numerosi attacchi da parte degli inglesi data la vicinanza al confine con l’Inghilterra. In particolare nel 1296 con Edward I e nel 1322 con Edward II quando l’abbazia fu saccheggiata e quasi rasa al suolo: in quell’occasione fu grazie al generoso contributo di Robert the Bruce che Melrose venne ricostruita. E proprio quel famoso Re Robert I è indissolubilmente legato all’abbazia: il suo cuore, imbalsamato e chiuso in uno scrigno di piombo fu tumulato a Melrose nel 1329 mentre il resto del corpo si trova a Dunfermline: il luogo di sepoltura è oggi segnalato da una scultura all’esterno dell’Abbazia.

 

Melrose-Abbey-Robert-Bruce-Scozia-BeatriceRoat
Il luogo di sepoltura di Robert the Bruce

Dopo i pesanti danneggiamenti del 1540 non si intrapresero grandi sforzi per ricostruire l’abbazia che venne abbandonata dai monaci nel 1560 in seguito alla Riforma Protestante:  l’ultimo monaco di Melrose morì nel 1590. La chiesa venne usata per celebrazioni religiose fino al 1810, anno in cui venne definitivamente abbandonata. Ma iniziamo a visitare virtualmente questa bellissima abbazia! Appena lasciato il centro visitatori un wow di scapperà di certo: ecco Melrose, in tutta la sua magnificenza e con le sue caratteristiche pietre di arenaria rossa, ergersi davanti a voi. Quello che si vede oggi è molto meno rispetto a come era strutturata l’abbazia al tempo in cui ci vivevano i moncaci. Osservate la foto qui sotto: oggi rimane in piedi solo la chiesa ma possiamo notare la navata centrale (davanti alla porta d’entrata centrale), quella laterale (alla sua desta, davanti alle transenne), la parete occidentale risalente al XII secolo (il muretto mezzo diroccato al centro della foto) e il sagrato (davanti, dove oggi c’è il viale di accesso e l’erba),

Melrose-Abbey-Robert-Bruce-Scozia-BeatriceRoat

Se la navata centrale, oggi completamente distrutta, era destinata alla preghiera dei laici, i monaci disponevano di uno spazio privato ed esclusivo dove pregare: ecco allora che, oltrepassando quella porticina centrale (foto sopra) si entrava nella cappella riservata ai religiosi che era divisa dal resto della navata dal muro tutt’oggi presente sovrastato da una quinta di legno detta “screen“. I monaci ci venivano a pregare ben 8 volte al giorno e dato che la Messa era cantata questa cappella veniva definita “choir”, coro. La grande finestra centrale che vedete in fondo è il Presbiterio ed è dove si trovava l’altare maggiore. Immaginatevi il tutto con la vetrata colorata, il pavimento piastrellato, il tetto magnificamente dipinto e il tutto riccamente decorato con calici ed oggetti d’argento che brillavano alla luce delle candele! A sinistra dell’altare, nel transetto occidentale, noterete una porta che, per la sua posizione, sembra una finestra: attraverso una scala oggi scomparsa i monaci da qui potevano raggiungere in fretta i propri dormitori e gli spazi privati a loro riservati.

Melrose-Abbey-Robert-Bruce-Scozia-BeatriceRoat
Il coro, lo spazio riservato ai monaci
Melrose-Abbey-Scotland-BeatriceRoat
Il Presbiterio
Melrose-Abbey-Robert-Bruce-Scozia-BeatriceRoat
La porta che conduceva ai dormitori, sulla parete in fondo

Dal presbiterio si può accedere alla torre (purtroppo chiusa nel momento della nostra visita) dalla quale si ha una bella visione dall’alto dell’abbazia e delle numerose sculture che la decorano: tra tutte la più particolare e bizzarra è sicuramente quella del “pig with a bagpipe“, il maialino che suona una cornamusa! Uscendo dalla chiesa, alla sinistra della navata, si vede oggi un prato verde e curato ma i numerosi resti di fondamenta di pietra indicano dove si trovavano, nei secoli scorsi, gli altri edifici che componevano l’abbazia: in particolare si notano il chiostro con fontana e circondato da un camminamento coperto, il refettorio, i dormitori, le cucine, la casa capitolare. A differenza della vicina Dryburgh Abbey che conserva ancora questi edifici, quelli di Melrose furono distrutti col tempo ed usati come cava per la pietra destinata alla costruzione di altri edifici in zona.

Melrose-Abbey-Robert-Bruce-Scozia-BeatriceRoat
Melrose: scultura del maialino con la cornamusa

 

Ad Ovest rispetto alla cattedrale, attraversando Cloister Road, si trovano i resti di una struttura che era riservata ai “lay brothers“, i frati conversi, quei religiosi che erano incaricati dei lavori manuali ma liberi da impegni di studio e di culto. E’ qui che si trova anche il piccolo museo della Cattedrale, all’interno dell’edificio conosciuto come Commendator’s House, la cui visita è compresa nel prezzo del ticket di ingresso. Alle spalle della cattedrale si trova invece un antico cimitero con le lapidi coperte di licheni che spuntano dall’erba.


COME  RAGGIUNGERE MELROSE ABBEY

Melrose Abbey è raggiungibile in auto da Edimburgo in circa un’ora d’auto: visitare questa e le altre storiche abbazie degli Scottish Borders in giornata partendo dalla capitale è un’ottima idea! Con i mezzi pubblici si può prendere un treno fino alla fermata Tweedbank e poi un bus, X62 di Border Buses, fino a Melrose (per un viaggio di circa 1h30). In alternativa si può prendere un bus diretto da Edimburgo (X62  di Border Buses per circa 2h30 di percorrenza).

TICKETS E ORARI DI APERTURA (Aggiornati ad aprile 2020)

Melrose Abbey è aperta al pubblico

– Tutti i giorni dalle 9.30 alle 17.30 (ultimo ingresso alle 17) dal 1 aprile al 30 settembre
– Tutti i giorni dalle 10 alle 16 (ultimo ingresso 15.30) dal 1 ottobre al 31 marzo

Rimane invece chiusa il 25 – 26 dicembre e 1 – 2 gennaio

Ticket di ingresso:

  • Adulti: 6£
  • Bambini 5-15: 3.60£
  • Under 5: gratis
  • 60+: 4.80£

Per verificare l’apertura e i prezzi dei biglietti vi invito a visitare il sito ufficiale di Historic Environment Scotland.

DOVE MANGIARE NEI DINTORNI DI MELROSE: OLD MELROSE TEAROOM

Ecco una chicca che non potete farvi sfuggire se siete in zona: sul sito dove sorgeva la prima abbazia, a pochi km dal villaggio di Melrose, si trova oggi Old Melrose Furniture Shop & Tearoom, un negozio di antiquariato con annessa una piccola e deliziosa tearoom che sembra uscita da un romanzo d’altri tempi! I piatti offerti sono semplici ma ben curati e molto gustosi, lo staff è cordiale e disponibile e la zona circostante è davvero mozzafiato. Noi ci siamo arrivati durante il nostro viaggio di gruppo autunnale e i colori ci hanno lasciati a bocca aperta. Vi suggerisco di ritagliarvi del tempo per fare una passeggiata dopo pranzo, ci sono dei sentieri adorabili e un bellissimo punto panoramico sul fiume Tweed che scorre a pochi passi dalla struttura!

 

Cartoline dalla Scozia // Marzo: Albe e tramonti

Attimi di estrema bellezza e ricchi di emozioni, colori accesi che illuminano il cielo, facendoci rimanere a bocca aperta e con il naso all’insù, a goderdci il momento perfetto: l’alba ed il tramonto sono dei momenti unici, se il meteo è tanto clemente da donarci l’opportunità perfetta per goderceli. E l’effetto è ancora più wow se capita dopo un temporale, o dopo un’improvvisa schiarita! Ecco le foto che mi avete mandato questo mese per Cartoline dalla Scozia! Continua a leggere “Cartoline dalla Scozia // Marzo: Albe e tramonti”

Scoprire Edimburgo: la Georgian House, elegante residenza del XVIII secolo

Nel cuore della New Town di Edimburgo, quartiere progettato dall’architetto ventiduenne James Craig che vinse il concorso indetto ne 1766 per sviluppare una nuova parte di città a nord della Old Town, e a poca distanza dal pittoresco Dean Village, si trova la tranquilla Charlotte Square, una piazza-giardino che ospita la statua equestre del Principe Albert, consorte della Regina Vittoria. Sul lato settentrionale della piazza si trovano due importanti edifici: Bute House al numero 6 è la residenza ufficiale del Primo Ministro Scozzese mentre al numero 7 si trova la Georgian House, restaurata e curata dal National Trust for Scotland per mostrare ai visitatori una tipica residenza del XVIII secolo nella New Town di Edimburgo. La visita è davvero molto interessante anche grazie ai simpaticissimi e preparatissimi anziani volontari che fanno da guida all’interno dell’edificio! Continua a leggere “Scoprire Edimburgo: la Georgian House, elegante residenza del XVIII secolo”

Il viaggio in Scozia su misura per te con Wanderoo e Nel Cuore della Scozia

Vuoi visitare la Scozia, hai già fissato le ferie ma non sai da che parte iniziare ad organizzare il tuo viaggio? Vorresti vedere un sacco di cose e non sai come programmare le varie tappe, ti servono suggerimenti su dove alloggiare, dove mangiare, indicazioni su quando andrai a spendere? Se quello che ti serve è un aiuto per organizzare il tuo indimenticabile viaggio in Scozia ma non vuoi passare tramite le agenzie che propongono sempre gli stessi viaggi troppo frenetici allora la soluzione che ti suggerisco è di affidarti a Wanderoo: sarò proprio io, Beatrice, a realizzare il tuo itinerario personalizzato mettendoci tutta la mia passione, il mio amore, il mio impegno e la mia conoscenza della Scozia! Continua a leggere “Il viaggio in Scozia su misura per te con Wanderoo e Nel Cuore della Scozia”

Le quattro abbazie degli Scottish Borders: Melrose, Jedburgh, Dryburgh, Kelso

Gli Scottish Borders, regione che si trova a sud di Edimburgo e che si estende fino al confine con l’Inghilterra, è una delle zona scozzesi più ricche di edifici storici perchè, a differenza delle remote e selvagge Highlands, era un’area molto fertile e quindi maggiormente popolata. E in questo delizioso angolo di Scozia, caratterizzato da ampi spazi pianeggianti o al massimo collinari, che si trovano le quattro celebri Abbazie storiche di Melrose, Jedburgh, Dryburgh e Kelso, divenute nel corso dei secoli importante meta turistica tanto che esiste addirittura una Borders Abbeys Way, un percorso circolare di 103km da intraprendere a piedi tra una abbazia e l’alta. Continua a leggere “Le quattro abbazie degli Scottish Borders: Melrose, Jedburgh, Dryburgh, Kelso”

Cartoline dalla Scozia // Novembre: simpatici animali scozzesi

Non solo paesaggi in Scozia, vero? Vogliamo parlare delle immancabili e carinissime pecore che si trovano un pò ovunque, dalle Lowlands alle Highlands? Ma non solo loro: ci sono le highland cows, le simpatiche mucche con il ciuffo,  i bellissimi e goffi puffins, i pulcinella di mare, cervi e caprioli che vagano selvaggi per le brughiere e chi più ne ha più ne metta. Questo mese facciamo il pieno di simpatici animali scozzesi! Continua a leggere “Cartoline dalla Scozia // Novembre: simpatici animali scozzesi”

Castelli scozzesi: Ballindalloch Castle, la perla del Nord

Ogni tanto qualche fuori programma si rivela davvero un colpo di fortuna! In occasione del primo viaggio di gruppo che ho guidato attraverso la Scozia, una giornata di pioggia battente ci ha fatto desistere dal visitare i giardini del Balmoral Castle optando invece per una deviazione al non distante Ballindalloch Castle, scoperto per caso tra i volantini turistici in esposizione in Hotel. Questo castello di cui non avevo mai sentito parlare è stata una bellissima scoperta e il gruppo ha molto apprezzato i suoi interni eleganti e i suoi bei giardini che siamo riusciti a vedere velocemente tra un acquazzone e l’altro! Continua a leggere “Castelli scozzesi: Ballindalloch Castle, la perla del Nord”