Scoprire Edimburgo: la Georgian House, elegante residenza del XVIII secolo

Nel cuore della New Town di Edimburgo, quartiere progettato dall’architetto ventiduenne James Craig che vinse il concorso indetto ne 1766 per sviluppare una nuova parte di città a nord della Old Town, e a poca distanza dal pittoresco Dean Village, si trova la tranquilla Charlotte Square, una piazza-giardino che ospita la statua equestre del Principe Albert, consorte della Regina Vittoria. Sul lato settentrionale della piazza si trovano due importanti edifici: Bute House al numero 6 è la residenza ufficiale del Primo Ministro Scozzese mentre al numero 7 si trova la Georgian House, restaurata e curata dal National Trust for Scotland per mostrare ai visitatori una tipica residenza del XVIII secolo nella New Town di Edimburgo. La visita è davvero molto interessante anche grazie ai simpaticissimi e preparatissimi anziani volontari che fanno da guida all’interno dell’edificio! Continua a leggere “Scoprire Edimburgo: la Georgian House, elegante residenza del XVIII secolo”

Arthur’s Seat, la montagna di Edimburgo

E’ davvero incredibile Edimburgo: un attimo prima cammini tra le viuzze labirintiche della Old Town, ammiri l’imponente Edinburgh Castle, scendi in fondo al Royal Mile camminando nel cuore della città e, un attimo dopo, ti ritrovi su di una montagna, nel bel mezzo della selvaggia natura scozzese! Impossibile, dite? Vi assicuro che è così, basta spostartsi di qualche centinaio di metri dall’Holyrood Palace al vicino Holyrood Park e vi sentirete come catapultati nelle Highlands! Continua a leggere “Arthur’s Seat, la montagna di Edimburgo”

Guida Edimburgo: come arrivare, come muoversi, dove dormire e molto altro.

indice contenuti

1. BENVENUTI AD EDIMBURGO!

Edimburgo è lo specchio della Scozia: spirito misterioso ed antico, leggende che permeano ogni angolo, la natura selvaggia a due passi dal centro. Sono lontani i tempi in cui la capitale della Scozia era una città insalubre e poco sicura in cui vivere: nel Medioevo la Old Town, attorno alla quale si sviluppava inizialmente il centro abitato chiuso da possenti mura, era un luogo oscuro e così affollato che la gente più povera era costretta a vivere in vie sotterranee assieme a briganti e fuorilegge, al buio e in condizioni igieniche così ripugnanti che il diffondersi di epidemie era all’ordine del giorno. L’aria era irrespirabile sia in questi cunicoli che fuori: la fogne, i liquami e i rifiuti della città confluivano infatti nel Nor Loch, un lago putrido che si trovava nell’esatto punto in cui oggi sorgono i Princes Street Gardens tanto che qualcuno afferma che i giardini siano così verdi e rigogliosi proprio per questo motivo. “Auld Reekie”, la vecchia fumosa: così veniva chiamata Edimburgo nei secoli scorsi per via dell’aria puzzolente e permea del fumo di legna e torba usate per riscaldarsi e cucinare. La situazione andò migliorando nei secoli seguenti e con la costruzione nella New Town per risolvere il problema dell’eccessivo sovraffollamento. Lo sviluppo della città e l’interesse che i turisti dimostravano per i romantici panorami delle Highlands portò ad Edimburgo molti visitatori ma anche intellettuali e studiosi. Da “vecchia fumosa” la capitale scozzese prese il soprannome di “Atene del Nord” per denotarne la ricchezza culturale, letteraria ed artistica che sbocciò con la costruzio Continua a leggere “Guida Edimburgo: come arrivare, come muoversi, dove dormire e molto altro.”

Dove mangiare ad Edimburgo – i miei consigli

State programmando un viaggio ad Edimburgo e non volete perdervi i migliori ristoranti e pub della città? Siete indecisi su quale locale scegliere per la cena? Ecco i suggerimenti basati sulla mia esperienza diretta su dove mangiare ad Edimburgo, lista che aggiornerò viaggio dopo viaggio. In fondo trovate anche una lista di tearoom. Il prezzo medio si intende per persona per un piatto unico. Se avete suggerimenti, lasciatemi un commento! Continua a leggere “Dove mangiare ad Edimburgo – i miei consigli”

Scoprire Edimburgo: esplorare la città con i tour guidati in inglese e italiano

Se state programmando un viaggio ad Edimburgo e vorreste conoscerne la storia e gli aneddoti più interessanti oppure se siete alla ricerca di esperienze particolari allora un tour guidato della città potrebbe fare al caso vostro! Se è la prima volta che visitate la capitale scozzese potreste fare conoscenza con i suoi affascinanti quartieri affidandovi ad una guida esperta che vi farà conoscere la vera anima della città e che saprà sicuramente raccontarvi particolari interessanti e curiosi che, da soli, potreste perdervi. Ecco i miei suggerimenti sui tour giornalieri consigliati per esplorare Edimburgo, da prenotare con Get Your Guide che raccoglie le migliori proposte di attività e tour in tutto il mondo con la possibilità di cancellazione gratuita fino a 24h prima della partenza! Continua a leggere “Scoprire Edimburgo: esplorare la città con i tour guidati in inglese e italiano”

La mascotte di Edimburgo: la commovente storia di Greyfriars Bobby

Non c’è guida turistica che non citi nel capitolo dedicato ad Edimburgo il nome di Bobby e non c’è amante della Scozia che non conosca la storia di questo cagnolino di razza Skye Terrier, divenuto la mascotte di Edimburgo e dei suoi abitanti. A testimoniare l’affetto degli scozzesi ci pensa da più di un secolo la statua di bronzo posta in cima ad una fontana di granito fuori dal cimitero di Greyfriars, luogo indissolubilmente legato alla storia del cagnolino. Ma da dove deriva tutto questo affetto, vi chiederete? Bobby divenne famoso ad Edimburgo nel XIX secolo per aver vegliato sulla tomba del suo defunto padrone per ben 14 anni! Continua a leggere “La mascotte di Edimburgo: la commovente storia di Greyfriars Bobby”

Dormire ad Edimburgo in un ostello: la mia esperienza al The Baxter

Ci sono viaggiatori a cui piace pernottare negli ostelli ed altri invece a cui l’idea non va proprio giù. Certo è che occorre avere spirito di adattamento e di sopportazione, non provare imbarazzo o ribrezzo a condividere ambienti intimi come un bagno, una camera da letto, una cucina con degli estranei e saper convivere con degli sconosciuti. Putroppo, nell’immaginario collettivo, l’ostello evoca ancora stanze piccole, strette e opprimenti, letti di ferro scomodi e rumorosi, bagni sporchi e cucine maleodoranti. Fortunatamente invece negli ultimi anni gli ostelli stanno diventando strutture sempre più moderne, accoglienti e curate e rappresentano una valida alternativa ai più comuni hotel o guesthouse. Scegliere accuratamente la struttura, leggendo recensioni e guardando fotografie, è d’obbligo per evitare spiacevoli sorprese. Sebbene io inizi a sentirmi troppo vecchia per questo genere di alloggio e inizi a sentire il bisogno di avere più privacy, ogni tanto per risparmiare quando viaggio scelgo di fare un paio di notti in ostello e vi garantisco che ho trovato strutture bellissime, più pulite e curate di molti b&b dove sono stata e pagato anche di più!  Da due anni a questa parte, quando sono ad Edimburgo, la mia tappa fissa è il The Baxter Hostel, uno degli ostelli più belli e stilosi in cui io sia mai stata! Continua a leggere “Dormire ad Edimburgo in un ostello: la mia esperienza al The Baxter”