Scoprire Edimburgo: Calton Hill, punto panoramico d’eccellenza sulla città

Sapevate che Edimburgo, come Roma, è costruita su (o meglio, nel caso della capitale scozzese, circondata da) sette colli? Arthur’s Seat, Costorphine Hill, Braid Hill, Castle Rock, Blackford Hill, Craigolockart Hill e Calton Hill sono le colline principali che si trovano attorno alla capitale, alcune più famose (Castle Rock, che ospita la Old Town, e Arthur’s Seat, l’ideale per osservare la città dall’alto), le altre meno conosciute. In questo articolo voglio parlarvi della più nota, ossia di Calton Hill, la collina che si trova all’estremità orientale di Princes Street e che è a davvero due passi dal centro. La vetta si raggiunge in pochi minuti attraverso una ripida scalinata motivo per cui è un luogo molto frequentato dai turisti, ma anche dai locali. La particolarità di Calton Hill, oltre che a rappresentare un eccezionale punto di osservazione sulla città, è che è ricchissima di monumenti ed edifici storici: vi racconto subito quali!

Continua a leggere “Scoprire Edimburgo: Calton Hill, punto panoramico d’eccellenza sulla città”

Un anno senza Scozia e un unico traveldream per il 2021

Eccoci finalmente nel 2021! Dico finalmente perchè questo anno nuovo porta anche una nuova speranza, quella di poter tornare piano piano ad una vita normale, sotto ogni punto di vista: nel lavoro, nelle amicizie, nello svago, nel tempo libero, nei viaggi. Eh già, nei viaggi! A quanti viaggi abbiamo dovuto rinunciare, in questo 2020 di pandemia globale? Mai avrei immaginato, per nessunissima ragione, di trascorrere un intero anno senza tornare in Scozia: in tempi normali la visito almeno due volte l’anno, da sola con i miei viaggi in solitaria oppure – negli ultimi tempi – accompagnando allegri gruppetti di persone per contagiarli con la mia passione e mostrar loro il meglio che questa fantastica Nazione ha da offrire!

Continua a leggere “Un anno senza Scozia e un unico traveldream per il 2021”

Natale in Scozia: 7 tradizioni natalizie scozzesi

Il Natale è il periodo più magico dell’anno e tutti noi, chi più e chi meno, ci lasciamo trascinare dalla festosa atmosfera che lo caratterizza! Anche in Scozia i festeggiamenti natalizi sono molto sentiti e se vi è già capitato di visitare la capitale Edimburgo in questo periodo dell’anno sarete sicuramente rimasti incantati dalle decorazioni, dalle lucine, e dai mercatini che adornano la città (se non ci siete mai stati, venite a dare un’occhiata virtuale in questo articolo). Ma lo sapevate che in Scozia il Natale è stato bandito per quasi quattro secoli? Nel 1560 infatti, con la Riforma Protestante, questa festività – che nella Scozia Cattolica era sempre stata osservata – venne abolita e ufficialmente vietata con un atto del Parlamento Scozzese del 1640. Anche dopo la salita al trono del cattolico Charles II i festeggiamenti del Natale non furono visti di buon occhio e solo nel 1958 l’antica legge venne abolita e il Natale divenne una festa nazionale. In questo articolo ho raccolto per voi alcune delle tradizioni tipiche natalizie, presenti e passate, diffuse in Scozia. Se invece volete saperne di più su Hogmanay, l’ultimo giorno dell’anno, date un’occhiata qui. Buona lettura!

Continua a leggere “Natale in Scozia: 7 tradizioni natalizie scozzesi”

A caccia di fantasmi in Scozia: 5 spaventose leggende spettrali

La scozia, si sa, è patria di castelli, misteri e…fantasmi! Sono moltissime le leggende che narrano di terrificanti incontri tra esseri umani e spiriti irrequieti: cavalieri senza testa, povere anime che non trovano pace, fantasmi di dame disperate, angeli della morte. Nel libro “The Lore of Scotland“, una raccolta di fiabe e leggende di vario genere che si può reperire purtroppo solo in inglese, trovate un sacco di storie, divise per zona geografica e per argomento, tra le quali ho scelto di raccontarvi 5 delle mie preferite. Eccole!

Continua a leggere “A caccia di fantasmi in Scozia: 5 spaventose leggende spettrali”

Falkland Palace, elegante residenza dei sovrani Stuart in Scozia

Tra i villaggi più belli di Scozia non si può certo dimenticare quello di Falkland, nel Fife: pittoreschi cottage di pietra, la maggior parte dei quali vecchi più di 300 anni, strette viuzze decorate con piante e vasi di fiori, una bella piazzetta con al centro una eleborata fontana e, poco più in là, un elegante e storico palazzo. Quel palazzo è Falkland Palace, e in questo articolo voglio raccontarvi la sua storia e portarvi con me, virtualmente, a visitarlo! Andiamo?

Continua a leggere “Falkland Palace, elegante residenza dei sovrani Stuart in Scozia”

Stregoneria e caccia alle streghe in Scozia: chi erano le delle donne condannate?

Nell’articolo della settimana scorsa vi avevo parlato di un argomento storico tanto interessante quanto tragico, la stregoneria e la caccia alle streghe in Scozia dalle sue origini al suo declino. Vi ho già detto di come in Scozia la paura delle streghe e la conseguente caccia si deve, in parte, al ruolo di un solo uomo: il sovrano scozzese Re James VI (figlio di Mary Stuart) che, in seguito alla morte di Elisabetta I d’Inghilterra divenne Re James I di Inghilterra, nel 1603. Oltre 2500 donne furono atrocemente uccise, e prima ancora torturate e processate in modo ingiusto e terribile e oggi voglio approfondire alcune delle loro tragiche storie.

Continua a leggere “Stregoneria e caccia alle streghe in Scozia: chi erano le delle donne condannate?”

Stregoneria e caccia alle streghe in Scozia: origine, storia e racconti.

Nella Scozia medievale la superstizione e il timore del mondo soprannaturale erano largamente diffusi tra la popolazione, ricca o povera che fosse. Fate, elfi, folletti, cavalli d’acqua, goblin, brownie erano si personaggi leggendari, protagonisti di quelle storie di origine celtica tramandate oralmente all’interno di clan e famiglie, ma venivano tenuti in gran considerazione così come al diavolo, al demonio, erano attribuiti tragici avvenimenti quali epidemie, carestie, morte dei capi di bestiame, condizioni meteo avverse ed estreme come tempeste e simili. Nel XV secolo e fino a parte del XVII secolo in tutta l’Europa si diffuse il panico legato alla stregoneria, anche grazie al “Malleus Maleficarum” scritto da Heinrich Kramer e diffusosi in quegli anni: si credeva che Satana stesse cercando di eliminare la società umana e che, per farlo, si servisse di aiutanti diabolici, le streghe, che andavano quindi prontamente eliminate per scongiurare il pericolo e dimostrare la propria devozione. In Scozia la paura delle streghe e l’atroce uccisione di oltre 2500 donne (su una popolazione di allora un milione di persone – cinque volte il tasso medio di esecuzioni europee) si deve, in parte, al ruolo di un solo uomo: il sovrano scozzese Re James VI (figlio di Mary Stuart) che, in seguito alla morte di Elisabetta I d’Inghilterra (sua zia), divenne Re James I di Inghilterra nel 1603. Va sottolineato che la maggior parte dei processi e delle condanne avvenne nell’area attorno ad Edimburgo, nel Fife e nei Lothian, ossia in quei luoghi che erano più vicini al potere centrale del sovrano; viceversa, nelle Highlands e nei luoghi più remoti i casi furono meno ed i metodi usati meno violenti.

Continua a leggere “Stregoneria e caccia alle streghe in Scozia: origine, storia e racconti.”